La storia di Winecage
Nov 21
0 commenti

La storia di Winecage

Winecage, la storia della cantina.

Mi chiamo Simone, sono un ragazzo di Genova che ha fatto una scelta, seguire il proprio sogno. E così, ho lasciato il mio lavoro, fatto di orari, uffici, una grande città e il mio appartamento, e mi sono trasferito in una piccolissima realtà del basso Piemonte. In pochi anni appresi molto, le tecniche, le differenze tra i vitigni, come riconoscere le viti in forze e quelle che invece hanno bisogno di trattamenti. Ho imparato anche il lavoro in cantina, a travasare, ad imbottigliare ed etichettare. Le giornate erano cambiate, seguivo il tempo che dettava la natura, e non più quello dell'orologio. E così continuai anno dopo anno a migliorarmi, sempre di più, imparando da chi questo lavoro lo fa da sempre, capendo cosa le viti ci comunicano attraverso le loro foglie, i loro colori. Iniziai a comprendere quei piccoli trucchi che permettono all'uva di crescere sana e, di conseguenza, produrre vini DOC sani e genuini, degni di finire sulle tavole. Negli anni successivi, l'azzardo: creare la mia cantina, produrre i miei vini. 

 

Oggi, grazie a questa scelta, sono riuscito a portare queste produzioni sulle tavole nazionali ed internazionali, segno che, il frutto del lavoro, è apprezzato anche fuori dai confini italiani.